Ultime Notizie

Il potere delle spezie

Chi non ama le spezie? Si tende a pensare a qualcosa in modo più saporito, se accompagnato da sapori forti. Ma perché? Gli umani dovrebbero, almeno in teoria, rifuggire le “piante” come la peste. Come fanno tutti gli animali, insomma. Beh, tutti gli animali meno il mio cane, che mangia il cibo solo quando proviene dalla mia tavola – quindi super speziato e fortissimo. 



Il meccanismo per il quale il cervello umano porta a sentire come commestibile qualcosa di potenzialmente velenoso è ancor sconosciuto agli scienziati, che provano sempre a trovare le soluzioni a questi arcani. Alla Cornell University di Ithaca (New York), per esempio, è stato condotto in passato a tal proposito un test: malgrado la lontananza nel tempo (si parla del 1988) quest’analisi accurata rappresenta una delle principali spiegazioni al quesito.
Pare che le spezie siano utili per mascherare cibi che stanno marcendo, per favorire il raffreddamento o riscaldamento del corpo, o per rendere qualcosa più saporito e quindi più appetibile. 
Tutte spiegazioni razionali. Del resto, siamo esseri pensanti e non è solo l’istinto a guidarci. 


Ma sono solo queste le spiegazioni? Potrebbe persino essere un discorso di abitudine… quando si è piccoli, alcuni sapori danno ribrezzo, ma da grandi non se ne può fare a meno. 
Comunque, fra i componenti secondari delle spezie, ci sono agenti antibatterici e antimicotici; insomma, il cibo viene così ripulito da elementi patogeni. 
Alcune tra le spezie più usate (aglio, cipolla, pimento) sono quindi potenti killer di batteri. 
Via all’aglio e alla cipolla, allora! Nella mia tavola non mancano mai, nella vostra? 

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.