Ultime Notizie

L'Europa apprezza il made in Italy: tra gennaio e agosto export a +2,5%

Il made in Italy è ancora apprezzato all'estero e dati sul commercio estero diffusi nei giorni scorsi rilevano un trend sensibilmente positivo per il settore. Nei primi otto mesi del 2016, infatti, sono aumentate le esportazioni di questo tipo di prodotti nei paesi dell'Unione, registrando una crescita del 2,5%. Il buon andamento delle produzioni tutte italiane è però limitato agli Stati che fanno parte della Comunità europea: infatti, a trainare le vendite sono i principali mercati dell'eurozona, Francia, Germania e Spagna. In altre regioni del mondo, come Medio Oriente (-8,3%), America centro meriodionale (11,7%) o l'Africa (19,8%) le lavorazioni del Belpaese sono meno richieste rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. La minore domanda di prodotti made in Italy al di fuori dell'Europa è determinata dalla crisi generale dei consumi e dai prezzi bassi del petrolio, oltre all'incertezza del mercato russo dove il marchio Italia ha subìto un'inflessione del 7,3%.



Complessivamente il commercio all'estero delle lavorazioni italiane è aumentato rispetto allo scorso anno - c'è stato un incremento del volume delle vendite (0,5%) ed è stato mantenuto pressoché invariato il valore della merce (-0,1%) - contenendo finora la generale deflazione della produzione del settore; tra i prodotti manifatturieri realizzati in Italia più apprezzati ci sono i tessili e i mobili che nel periodo considerato dallo studio hanno fatto rilevare performance in controtendenza rispetto allo scorso anno, rispettivamente +1,5% e 1,7%. Segno positivo anche per gli articoli in legno (+5,7%), il settore alimentare (+3,5%) e l'abbigliamento (+1,4%).


Il made in Italy ha ottenuto ottimi risultati in Giappone con una performance del +8,4% e in Repubblica Ceca con un +7,3%; negativi invece i dati relativi a Svizzera (-2,5%), India (-3,8%), Turchia (-4,2%), e Belgio (-5,5%). 

Odette Tapella

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.