Ultime Notizie

All’interno del Default di Salvatore De Mauro

Siamo nel futuro. Jack Mason e Bill Karpov sono due importanti astrofisici. I nasi rivolti verso il cielo, scoprono qualcosa di strano. Di devastante. Di tanto particolare da non essere nemmeno completamente compreso. Ciò che è chiaro, nelle loro menti brillanti, è che qualcosa sta per cambiare. John Mellory è un giornalista, e come tale mette la sua vita a servizio della verità, nella speranza di poter essere obiettivo e minuzioso. Queste tre personalità, ricche quanto interessanti, saranno il fulcro dell’avventura che noi tutti, leggendo l’opera di Di Mauro, affronteremo.


Ci sarà una guerra. Sanguinosa e devastante, di default.
“Ma il default umano è una conseguenza di quello divino. Se esiste un Dio creatore di ogni cosa allora bisogna ammettere che anch’egli ha commesso un errore di valutazione ritenendo l’uomo degno della sua benevolenza.”
Si sa, quando si tratta di crudeltà e malvagità, gli uomini non sono secondi a nessuno.
“L'uomo ha inventato la bomba atomica, ma nessun topo al mondo costruirebbe una trappola per topi”, affermava Einstein.
Noi uomini siamo tanto impegnati a farci la guerra, da non renderci conto di quanto la vita sia bella, e perfetta nella sua imperfezione.
La guerra che viene descritta in “Default” non ha nulla di umano, di magnanimo, di compassionevole. È una lotta al predominio a tutti i costi – e non importa quanta cupa morte aleggerà sopra tutti i popoli, ciò che importa è vincere.
Dopo quella che è una strage, rimarrà solo una via: raggiungere l’Area 51. Ma anche lì una sorpresa, amara anch’essa, aspetta chi, sopravvissuto un po’ per miracolo e un po’ per fortuna, ha una speranza.


Ci saranno azioni di azione internazionali, impedimenti di tipo scientifico – a metà tra horror e fantasia fervida –, virus terribili e corse contro il tempo.
Il cuore a mille, scopriremo quello che nel futuro potrebbe avvenire – d’altronde ciò che siamo abituati a sentire è che non esiste limite al peggio.
Lotteremo con loro, anche quando tutto sembra perduto – soprattutto quando ogni sforzo appare vano, ogni ostacolo insormontabile –, e pregheremo, con come compagno l’unico barlume di religiosa luce rimastaci, che nulla di ciò si avveri nella nostra realtà – quella dove le cose iniziano ad andare male, malissimo, ma ancora non sono perdute del tutto.
Fino al finale. Arriva come un pugno. Uno schiaffo. Uno scossone.
Un respiro – o meglio un sospiro – e saremo di nuovo al sicuro, nella nostra casa e nel nostro divano, con la tazza di cioccolata nelle gambe e tanta voglia di rileggerlo ancora. E ancora. E ancora.


A metà tra un horror fantascientifico e una rappresentazione reale – benché esasperata – del mondo attuale – nel quale si presagiscono mortali prosiegui – questo testo appare reale, veritiero. È crudo, miete terrore. Non fa da dolcificante, anzi, mira alla comprensione: la nostra è un’umanità gravida di mostri, di male, di diavoli. Supportato da nozioni e spiegazioni di stampo scientifico, spiega quello che nel mondo potrebbe avvenire… le conseguenze della sete di potere. Aggiunge poi, mediante gli esseri che si scoprono via via nella storia, una componente fantastica che dà ancor più valore all’opera.
Si legge tutto d’un fiato, senza che sia possibile staccarsi dalle pagine – non prima di arrivare alla fine, almeno.
Salvatore De Mauro è un narratore eccellente: senza mai scendere nel banale, ci regala una storia d’azione che parla di morte, sofferenza, speranza, forza e coraggio.

TITOLO: Default
AUTORE: Salvatore De Mauro
CADA EDITRICE: BookSprint Edizioni
PAGINE: 235
ANNO: 2016

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.