Ultime Notizie

Crampi muscolari: cause e rimedi

Un crampo è una contrazione volontaria e improvvisa del muscolo, può colpire qualsiasi muscolo dello scheletro e coinvolgere un solo muscolo come un gruppo di muscoli.
I gruppi muscolari più frequentemente colpiti sono: 
- muscoli del polpaccio (gastrocnemio);
- muscoli posteriori della coscia;
- quadricipite della coscia.



Sono molto comuni anche i crampi ai piedi, mani, braccia, addome, e i muscoli della gabbia toracica. L'insorgenza dei crampi è dovuta all'intensa attività fisica praticata in ambienti caldo-umidi, in simili condizioni l'esercizio prolungato causa uno sbilanciamento tra livello di idratazione e concentrazione. Alcune persone sono predisposte più di altre ai crampi muscolari e in queste persone talvolta essi si producono regolarmente con qualsiasi sforzo fisico.
Quelli a maggior rischio sono i neonati e i bambini piccoli, le persone oltre i 65 anni e coloro che sono malati, in sovrappeso, quelli che svolgono lavori pesanti, o quelli che assumono alcuni farmaci. Sono molto comuni tra gli atleti di resistenza (cioè, maratoneti e triatleti) e le persone anziane che svolgono ancora intensa attività fisica.
Gli atleti hanno più probabilità di sviluppare crampi all'inizio della stagione di allenamenti, quando il corpo non è allenato bene e quindi più soggetto a fatica. I crampi spesso si sviluppano verso la fine di un esercizio fisico intenso o prolungato. Le persone anziane, come abbiamo detto, sono più suscettibili ai crampi muscolari e questo è dovuto alla normale perdita della massa muscolare (atrofia) che inizia già dopo i 45 anni e aumenta con l'inattività. Con l'età, i muscoli non possono lavorare molto o così rapidamente come quando si è giovani. Il corpo perde anche parte del suo bisogno di acqua che si traduce in una perdita del senso di sete e della sua capacità di percepire e quindi di rispondere ai cambiamenti di temperatura.


I crampi muscolari variano in intensità da un leggero tic ad un dolore straziante. Un muscolo che ha un crampo può essere duro al tatto e/o apparire sotto la pelle visibilmente distorto o strappato. Può durare pochi secondi a 15 minuti o più. Potrebbe ripresentarsi più volte prima che scompaia.
I crampi di solito vanno via da soli senza aver bisogno di un medico seguendo alcuni semplici accorgimenti:
- massaggiare la zona colpita e successivamente fare allungamenti;
- ricordare di assumere il giusto quantitativo di liquidi e quindi di bere prima, durante e dopo la pratica sportiva (le bevande che contengono aggiunte di sali minerali sono di aiuto);
- fare sempre riscaldamento prima dello stretching,  corsa lenta su tapis roulant o camminare di buon passo per alcuni minuti. 

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.