Ultime Notizie

Gli italiani e la salute: negli ultimi 60 anni più screening e consapevolezza

È un’Italia maggiormente consapevole dell’importanza del benessere e delle buone condizioni psico-fisiche quella che si delinea nel rapporto Censis sugli italiani e la salute reso noto nello studio che ripercorre le tappe principali della condizione sociale del Paese. 


Un percorso che in oltre mezzo secolo ha portato a cambiamenti importanti sia nell’organizzazione del servizio sanitario che nel modo di concepire le cure e la prevenzione, contribuendo alla quasi totale scomparsa di malattie come la poliomielite e alla riduzione dei casi di Aids ed epatite C. Vaccini, rimedi e profilassi continua, soprattutto contro tumori e malattie degenerative, hanno reso più longevi gli italiani, provocando una maggiore spesa nel settore della sanità e sovente mettendo in luce l’inadeguatezza del servizio offerto all’utenza (49,2% in media, ma al Sud il 72,2% lamenta inefficienza e lungaggini negli ospedali). 


L’indagine è importante perché è come una fotografia del cambiamento che ha interessato la società italiana in un ambito importante come quello delle cure offerte alla popolazione: se negli anni Sessanta nella penisola si registravano ancora casi di malattie infettive, oggi il Belpaese è al primo posto nella ricerca di farmaci per le terapie avanzate, fattore che ha portato alla scoperta di medicinali importanti come quello contro l’epatite C. Da quasi quarant’anni gli italiani pensano alla salute come all’insieme delle condizioni che garantiscono il benessere della persona con ovvie conseguenze sulla nascita del comparto wellness in tutti gli ambiti - da quello turistico a quello degli alimenti - e nell’attenzione allo stile di vita che spesso sta alla base di alcune malattie (diabete, colesterolo). Di conseguenza hanno assunto sempre maggiore importanza la prevenzione e i controlli soprattutto contro patologie come il cancro; per concludere la popolazione italiana ritiene che le molte informazioni disponibili on line sulla sanità possano creare confusione tra gli utenti, anche se sono utili. 

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.