Ultime Notizie

Italiani generosi: dal 2007 in aumento le donazioni verso associazioni benefiche

La crisi non ferma la solidarietà degli italiani. La difficile congiuntura economica, le opportunità di lavoro spesso temporanee o saltuarie e la scarsa fiducia verso un miglioramento a breve della situazione sociale ed economica del Belpaese non hanno impedito alla popolazione di dimostrare generosità nei confronti dei più bisognosi o di coloro che vivono una situazione di difficoltà: tra 2007 e 2015 è aumentata la quota di donazioni a favore di associazioni umanitarie e non profit e nei casi di calamità naturali verificatesi sul territorio nazionale in questo periodo, complice anche l’introduzione degli sms solidali. 


Smartphone e tablet sono diventati uno strumento comodo e veloce per devolvere aiuti a chi soffre: le raccolte con messaggi telefonici sono state molto efficaci, permettendo di reperire 5 milioni di euro per il terremoto in Abruzzo del 2009, 14 milioni per quello dell'Emilia Romagna (2012) e 15 milioni per il sisma di Lazio, Umbria e Marche di quest'anno. I fondi a disposizione di sodalizi come Save the Children Italia sono passati da 15,2 a 80,4 milioni di euro con un aumento considerevole del numero dei sottoscrittori che è passato da 137.328 a 408.500; incremento delle donazioni anche per Emergency da (23,3 a 51,9 milioni) e Medici senza frontiere (da 35,9 a 52,3 milioni).


Questi dati, rilevati nel Censis nel rapporto “La società italiana al 2016”, sono importanti anche perché le offerte a favore di associazioni benefiche vengono effettuate in un periodo in cui 26 milioni di italiani ritengono prioritario ridurre le spese quotidiane e in molti preferirebbero utilizzare i propri risparmi per il benessere personale. 

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.