Ultime Notizie

La scuola italiana: una giostra di errori e caos

Diversi mesi fa, all’indomani del primo giorno di scuola, l'ex premier Renzi dichiarò: “Un anno di curiosità e passione”; gli fece eco il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini parlando di “sfide importanti e grandi responsabilità". Oggi però nulla è cambiato sulla giostra di errori e caos che affligge la scuola. L’insegnamento, anche in Italia, dovrebbe essere un diritto ed una giusta opportunità data ai ragazzi, ma sembra che più passano gli anni più studiare in questo Paese non serva quasi a nulla.


Nomine di insegnanti che generano cattedre scoperte o intoppi ed errori burocratici che vanificano la fine di un precariato ventennale, semmai perché l’Ufficio regionale non ha fatto in tempo a registrare la candidatura, oppure disservizi “tecnici” legati ad ataviche trascuratezze riguardanti la didattica (registri elettronici) o le strutture (riscaldamento e acqua corrente), partoriscono giornate scolastiche perse che ormai sono all’ordine del giorno, come a dire che “anche oggi si va a scuola domani”.
Sindacati perciò in agitazione a denunciare fin dal primo giorno di scuola il caos, sulle procedure di mobilità che hanno spostato insegnanti dove non servono lasciando molti posti vuoti e senza supplenti, sui docenti che sono costretti ad ammassare come in un pollaio 110 studenti in sole 4 classi, sui professori assegnati con la mobilità che non si presentano o vengono cambiati in barba alla necessaria continuità didattica; scioperi e manifestazioni quindi contro un “trend” che rischia di far sprofondare la qualità dell’istruzione nazionale a livelli bassissimi.


Parlando in “politichese” tutto sembra nato da sempre dal conflitto tra i legittimi interessi di chi insegna e i diritti di chi studia, è questo che ingessa il “sistema scuola” del Belpaese, una giostra di problematiche a 360 gradi che tocca anche temi specifici; dai malcontenti sulle graduatorie provinciali per le supplenze annuali a quelle di istituto per le supplenze brevi, ma fibrillazione anche su altri mille interessi “lobbistici” che provocano agli studenti discontinuità didattica, un black-out di relazioni con i docenti foriero di aspetti quanto mai deleteri, che portano disaffezione allo studio vanificando così ogni elementare e legittimo interesse alla conoscenza didattica.
Questo “papocchio” tutto made in Italy è un pasticcio che sta continuando, generando un’estrema confusione fra diritti e doveri delle parti in causa; esso terminerà come sempre in giugno, maturità compresa, anche se avrà danneggiato l’istruzione di gran parte dei milioni di studenti italiani. Quando però suonerà l’ultima campanella, scoccherà il “magic moment” delle vacanze estive, quella sensazione di liberazione che polverizzerà magicamente paure e ansie finora accumulate da studenti e corpo insegnante, e di quella “giostra di errori e caos” che è la scuola italiana ne resterà solo uno sbiadito ricordo.

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.