Ultime Notizie

Terrorismo, Francia ancora sotto attacco: 4 arresti a Montpellier

La mattina del 10 febbraio la Francia è ripiombata nell'incubo del terrorismo internazionale: quattro persone, tra cui anche una ragazzina di soli 16 anni, sono state arrestate nella località di Montpellier con l'accusa di preparare attentati sul suolo francese.


Armi ed esplosivo
In un appartamento sono state trovati molte armi di grosso calibro e ingenti quantitativi di esplosivo ad alto potenziale come quello che è stato usato nell'attentato a Bruxelles del marzo scorso; molto probabilmente ad essere colpita sarebbe stata nuovamente Parigi che già è stata duramente insanguinata dagli attacchi alla redazione di Charlie Hebdo e del Bataclan. Si pensa che i quattro arrestati siano solo una parte di una cellula dormiente del sedicente Stato islamico che mirava a progettare attacchi sul suolo francese e a reclutare nuovi adepti del radicalismo islamico.
Con gli arresti di oggi la Francia conferma il triste primato di Paese europeo con il maggior numero di islamisti radicalizzati sul suo territorio; la stragrande maggioranza dei cittadini di religione musulmana vivono nelle periferie in quartieri ghetto in cui è molto semplice venire in contatto con sedicenti guide spirituali che in realtà educano all'odio e mandano i giovani ad addestrarsi nelle zone di guerra di Siria, Iraq e Libia.
La grande disoccupazione e il senso di isolamento di queste comunità le rendono particolarmente vulnerabili ai messaggi sbagliati e alle false promesse di vita migliore del sedicente Stato islamico ed è così che tanti musulmani cedono alle lusinghe degli uomini in nero del Califfato, ed è proprio nei quartieri periferici che si nascondono le cellule dormienti che reclutano nuovi miliziani.


In Francia si sono verificati la maggioranza degli attacchi del terrorismo internazionale sul suolo europeo, e gli autori erano tutti cittadini francesi che si erano a poco a poco avvicinati alle folli idee degli islamisti più radicali.
Negli ultimi giorni il presunto pestaggio di un ragazzo di colore da parte di alcuni poliziotti in una delle tante banlieu parigine ha riacceso gli scontri tra gli abitanti delle periferie e le forze di sicurezza, proprio come era avvenuto qualche anno fa con auto e cassonetti rovesciati e dati alle fiamme e vetrine dei negozi in frantumi. 

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.