Il sonno e la creatività - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Gli individui considerati creativi dormono molto o poco? Ve lo siete mai chiesti? Mi capita, quando nel mio cammino incontro personalità particolarmente interessanti su questo fronte, di pormi domande sulle loro abitudini, sulle loro vite… sulle ore di sonno, sull’alimentazione, sul carattere, sul grado di pazienza. Ecco, come ho detto, anche sul sonno. Che poi, il sonno è la chiave di tutto. Del benessere, della memoria, della salute del corpo… e perché non dovrebbe essere la chiave della creatività?


Uno studio dell’Università di Haifa ha dimostrato che la creatività verbale è associata a tante ore di sonno; viceversa, la creatività visiva è associata a frequenti risvegli notturni, quindi a un sonno breve e disturbato. Per giungere a questi risultati sono stati analizzati a lungo due gruppi di studenti: nel primo gruppo, studenti di facoltà artistiche; nel secondo, studenti di facoltà di scienze sociali. 


Diari e strumenti di monitoraggio all’ultimo grido hanno fatto emergere una profonda differenza tra i due gruppi: i creativi sul fronte verbale dormono tanto e si svegliano tardi; i creativi sul fronte visivo dormono poco e male.

Post Bottom Ad

Pagine