Non sempre l'ordine è sinonimo di controllo - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Non sempre l'ordine è sinonimo di controllo

Share This
Avete presente il detto che scrivania ordinata voglia dire ordine mentale? Chi si riconosce in questo detto? Be’, io ho sempre pensato di avere una mente caotica e poco equilibrata, e questo è perfettamente in linea con la mia abitudine di sistemare la casa solo quando sembra la scena di un film che parla di lotte e fughe e rapine. Me ne sono sempre rammaricata, in verità; l’immagine delle dimore intonse nelle pubblicità alla TV mi ha sempre affascinata, salvo poi considerare la mia giornata troppo piena per riuscire persino a tirare fuori il tempo di rendere la mia casa simile a quella della famiglia Mulino Bianco. E allora, niente… libri e fogli e quaderni e soprammobili che spariscono dai mobili e bicchieri e scarpe ovunque. E alla fine va bene così, almeno per ora. 


Oggi, un illustre economista, Tim Hartford, in un articolo pubblicato su Quartz, mi fa sentire meno in colpa: tenere la scrivania, ad esempio, ordinata in modo maniacale – dice l’esperto – potrebbe essere la spia di disordine interno. Non sempre quindi l’ordine è sinonimo di controllo. Prendiamo ad esempio, i post-it: loro esistono per ricordarci qualcosa. Certo, con un notevole sforzo mentale potremmo persino buttarli, ma quanta ansia accumuleremmo? Troppa, senza dubbio. Molto meglio un aiuto.
Una ricerca risalente al 2001, a tal proposito, mise a confronto gli “archiviatori” seriali di documenti e gli “accumulatori” – quelli, insomma, che lasciano che i documenti si stratifichino l’uno sopra l’altro. 
Gli archiviatori avevano accumulato, di fatto, molta più roba degli accumulatori (scartoffie, oltretutto, spesso inutili): catalogavano tutto, ancor prima di aver compreso appieno il senso e il valore di un documento. Messi di fronte all’ipotesi di traslocare, gli accumulatori hanno potuto affrontare la nuova situazione in modo molto meno traumatico dei colleghi ordinati: avevano, dinanzi a sé, solo il necessario. Potevano sembrare caotici, è vero; di fatto, il loro mondo si basava su presupposti più ordinati.


Questo meccanismo vale anche su contesti più ampi: la necessità di mettere ordine dà stabilità, tranquillità; talvolta però ci ruba emozioni e sensazioni. 
Da considerare: l’imprevedibilità è necessaria per la creatività. Vogliamo mettere una situazione inaspettata e ciò che, solitamente, può portare a livello emotivo? Meglio, dicono gli esperti, una pianificazione mensile a una giornaliera. Nella giornaliera, nessun posto per eventi non attesi – e questo può creare ansia e nervosismo –; nella mensile, ampio margine di improvvisazione. 
Affrontare con serena consapevolezza ogni dì – sapendo che non è necessario né fattibile controllare tutto ciò che ci avviene – può essere un toccasana per la produttività.

Post Bottom Ad

Pagine