Il potere della siesta sulla mente - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Il potere della siesta sulla mente

Share This
Avete presente la sensazione di stanchezza che ci assale quando mandiamo giù l’ultimo boccone del pranzo? Spesso devo prendere un caffè perché i ritmi, si sa, non possono rallentare – ne va della mia produttività –; talvolta, però, posso concedermi un’oretta di divano, prima di iniziare il secondo round della giornata. In quei momenti, con nelle gambe una copertina – come i bambini, lo so – riesco a estraniarmi da tutto. 


Ho sempre pensato mi facesse bene, ora uno studio della Johns Hopkins University mi dà ragione: dormire un’ora nel pomeriggio rende il cervello più attivo; pensieri più nitidi, capacità di prendere decisioni notevolmente migliorata, funzioni mentali più agili e veloci: ecco cosa regala la siesta – oltre che buonumore, dico io, ma questo non è verificato da nessun ricercatore.
Soprattutto, gridano gli autori dello studio, il pisolino pomeridiano è un toccasana per gli anziani. 2974 individui sopra i 65 anni di età, per la precisione. Il 60% ha detto di fare un pisolino di una durata variabile (tra i 30 e i 90 minuti). Dopo accurati test, mirate domande – più che altro su abitudini – ed esercizi di tipo logico, i ricercatori sono giunti alla conclusione sopra citata. 


Chi dormiva, insomma, è andato meglio a livello mentale di chi invece restava sveglio tutto il dì. Inoltre, chi dormiva per un’ora ha avuto dei risultati migliori di chi dormiva di più o di meno – questi ultimi hanno mostrato un declino tra le quattro e le sei volte maggiore. 

Post Bottom Ad

Pagine