Ultime Notizie

Pace: l'intimo racconto in musica di Fabrizio Moro

Si intitola "Pace" il nuovo album di Fabrizio MoroPace è anche la title track, la prima canzone dell'album, la canzone cardine, quella con cui Moro ha deciso di "aprire le danze". L'album è frutto di due anni di lavoro e arriva a dieci anni di distanza dalla vittoria del cantautore romano al Festival di Sanremo nella categoria Giovani con il brano "Pensa".



In questo nuovo album Fabrizio tira le somme, riflette sul passato, fa il punto della situazione su quella che è stata la sua vita fino ad oggi ma soprattutto su sé stesso, come un uomo che davanti ad uno specchio, quello dell'anima, riflette tutti i suoi pensieri più profondi. Nelle sue nuove canzoni Moro racconta proprio questo stato d'animo e lo fa con la sincerità che da sempre caratterizza la sua scrittura.
In Pace c'è il racconto più intimista di Fabrizio, delle turbe di un uomo, delle sue paure, delle riflessioni sul futuro e sul passato; ci si accorge, fin dal primo ascolto, di una ricerca perenne di quella condizione di pace interiore che ogni essere umano si ritrova a ricercare quasi come un'utopia nella propria vita. Quella continua lotta anche contro noi stessi per cercare di raggiungere una meta così tanto ambiziosa che a volte pare essere irraggiungibile, ma semplicemente è celata dietro le piccole cose di ogni giorno, della nostra vita quotidiana, tra gli affetti e la routine di una vita semplice, fatta di piccole cose. 
La seconda canzone dell'album si intitola Tutto quello che volevi, dove Moro sembra aprirci le porte di una vita di un qualcuno a lui molto caro, il quale non si accorge che, nonostante abbia avuto tutto nella propria vita (lussi, carriera e svariati piaceri), ha smarrito cose più importanti.


La terza canzone è Giocattoli, dove un uomo attraverso essi si guarda e rivede ogni passo compiuto durante il cammino della propria esistenza. Portami via, la canzone con cui Fabrizio ha gareggiato al festival di Sanremo quest' anno, canzone ispirata a sua figlia Anita, di 4 anni, è una richiesta d'aiuto che ha rivolto alla figlia, l'unico essere umano in grado di aiutarlo in un momento particolarmente difficile della sua vita.
Fabrizio Moro parla di Pace come di un disco terapeutico e non sbaglia. In "Sono anni che ti aspetto" il cantautore romano elenca tutte le sue paure in una sorta di flusso di coscienza, rivolgendosi a sé stesso e a quella ricerca di uno stato di tranquillità, atteso da quasi tutta una vita.


La ricerca di questa condizione è ricorrente in ogni canzone, ed è un punto cardine dell' album. E così fino all'ultima canzone, "Intanto", che pare essere la chiusura del cerchio, ossia la conquista finale, tanto attesa di una forma pace, che si palesa improvvisamente nella vita quotidiana: una colazione per cominciare bene la giornata, una tregua dalle inquietudini. Intanto, non a caso, è la canzone che conclude l' album.
"E mi chiedo perché intanto sei arrivata" che suona proprio come un richiamo a quella pace, tanto attesa e sperata, ricercata durante tutte le canzoni dell'album. Quella Pace che ha il volto di una donna, di una figlia o semplicemente della stessa condizione di serenità, per l'appunto, finalmente e quasi inaspettatamente arrivata. 
Un album vero, viscerale, intimo, profondo, di quelli che ti leggono dentro, che sanno baciarti l'anima e sono destinati a rimanere nel cuore di chi li ascolta. Fabrizio Moro non delude mai perché la sua penna è direttamente collegata alla sua anima.

TRACKLIST

01. Pace 
02. Tutto quello che volevi 
03. Giocattoli
04. Semplice 
05. Portami via 
06. La felicità 
07. L'essenza 
08. Sono anni che ti aspetto 
09. Andiamo 
10. È più forte l'amore (con Bianca Guaccero)
11. Intanto


Angela Cataldo

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.