Ultime Notizie

Voucher lavoro, le nuove regole previste dalla riforma

Modifiche al sistema di utilizzo dei voucher, in particolare per le imprese individuali. Proprio in questi giorni la Commissione lavoro della Camera sta discutendo le variazioni al testo unico che riguarda la materia dei buoni Inps per attività occasionali. Le aziende che non hanno dipendenti potranno usare i buoni lavoro pagandoli però 15 euro invece di 10, la somma stabilita per associazioni e privati. Le imprese individuali hanno a disposizione voucher per un massimo di 3mila euro all'anno e il lavoratore potrà avvalersi delle opportunità offerte da questo sistema per 5mila euro annui e per 2mila da ogni azienda in cui svolge delle mansioni. Il limite annuale è stato abbassato rispetto alle disposizione previste dal Jobs Act che prevedeva un tetto di spesa di 7mila euro per i dodici mesi. 


Nel caso in cui le aziende superino i 3mila euro di pagamenti con i voucher dovranno provvedere ad attivare dei contratti a tempo indeterminato per le categorie di lavoratori destinatarie del provvedimento, cioè disoccupati da oltre 6 mesi, pensionati, studenti fino a 25 anni, disabili, soggetti in comunità di recupero e stranieri con permesso di soggiorno. 


Le aziende agricole potranno usufruire dei vantaggi del sistema dei voucher solamente nel caso in cui richiedano le prestazioni lavorative di pensionati e studenti fino a 25 anni per le raccolte stagionali. Le pubbliche amministrazioni, al contrario di associazioni ed enti no profit, non possono utilizzare i buoni lavoro, ad eccezione di casi particolari, come calamità naturali, iniziative di solidarietà o manifestazioni particolarmente importanti. 

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.