Ultime Notizie

Un'opera ancora attuale? "Il contratto sociale" di Jean-Jacques Rousseau

Non credo sia fuori luogo, in tempi postmoderni, fare una breve riflessione su un'opera piuttosto controversa come controverso è stato il suo autore. Si tratta dell'opera "Il contratto sociale", il suo autore è Jean-Jacques Rousseau. 



Di che cosa tratta, nelle linee generali, "Il contratto sociale"? Dell'autorità politica. Infatti Jean-Jacques Rousseau si propone di mostrare a quali condizioni una simile autorità possa essere legittima e, di conseguenza, di denunciare quelle che non lo sono. Non si tratta tanto, per lui, di prescrivere dei limiti a questa autorità, quanto in fondo di ricercarne il fondamento e di determinarne la natura. 
Tre sono i punti salienti de "Il contratto sociale".

1) Nessun uomo ha un'autorità naturale sul proprio simile. Ne consegue che nessuna autorità può essere legittima se è istituita o se viene esercitata senza il consenso di coloro che vi sono sottomessi.


2) L'autorità politica - Jean-Jacques Rousseau la chiama sovranità - risiede essenzialmente nel popolo. Essa è inalienabile, e il popolo non può affidarne l'esercizio a nessuno: nè a un monarca, nè a dei rappresentanti. Il singolo che rinunci alla sua libertà rinuncia, nello stesso tempo, alla sua qualità di uomo. Così, un popolo che rinunci all'esercizio della sovranità con un patto di sottomissione si annulla con quest'atto. In tal caso, non c'è più nè un sovrano, nè un popolo, nè dei capi ma un padrone o degli schiavi. Le leggi sono l'espressione della volontà generale e quando un uomo, chiunque egli sia, sostituisce la sua volontà a quella di un popolo non c'è più un'autorità legittima, ma un potere arbitrario.

3) Il governo o l'amministrazione dello Stato è solo un potere subordinato al potere sovrano ed è, nelle mani di coloro che lo detengono, un semplice mandato. Il popolo può affidarlo ad altri quando vuole. Ma il governo, che ha in mano la forza, cerca costantemente di sottrarsi all'autorità legislativa e tende a sostituire la propria volontà a quella del popolo nell'amministrazione dello Stato. Quando ci riesce, il patto sociale è infranto, il corpo politico distrutto. Rifiutando la sovranità ai re, affermando che essa deve appartenere al popolo e non può appartenere che ad esso, Jean-Jacques Rousseau si pronuncia apertamente per la democrazia.



Se guardiamo a "Il contratto sociale" da un punto di vista filosofico, esso ci appare come legato ad una certa concezione della libertà. Secondo l'autore, infatti, per un uomo la peggior situazione possibile è di essere alla discrezione di un altro poichè i rapporti di autorità fra gli uomini tendono sempre all'arbitrio e alla dominazione. Cosa pensare, dunque, de "Il contratto sociale" di Jean-Jacques Rousseau? Sarebbe bene che lo rileggessimo oggi, nel momento storico più cruciale dell'Occidente, che si fonda sulla democrazia, e dire se veramente è un'opera attuale o inattuale, importante o da relegare nel dimenticatoio.

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.