Ultime Notizie

Cicloturismo dalle montagne al mare: la Ciclovia Alpe Adria

Se non la conoscete, vi state perdendo una vera meraviglia da percorrere in sella alla propria bicicletta da trekking: si tratta della Ciclovia Alpe Adria, che parte dai monti del Tarvisio per giungere fino alla laguna di Grado, nel cuore del Friuli-Venezia Giulia.


Potrebbe essere l’escursione o l’itinerario da percorrere nel prossimo weekend libero per staccare dai ritmi cittadini e concedersi un’immersione nella natura dalle montagne al mare, scoprendo la storia e la cultura dei borghi presenti lungo il tragitto. In realtà, la Ciclovia si presta anche per una vacanza più lunga, ad esempio di una settimana, per fare tappe giornaliere di 30 o 40 chilometri senza affannarsi, e godere così della bellezza dei luoghi e della cultura dei territori.
Prima di affrontare questo tipo di tragitti bisogna valutare e scegliere una bicicletta adatta a percorrere il percorso stabilito in sicurezza e pieno divertimento: sicuramente una bicicletta da trekking è lo strumento ideale per avere le massime prestazioni su ogni terreno e pendenza. Per conoscere le caratteristiche tecniche delle biciclette da trekking, trovare gli ultimi modelli e metterli a confronto sono molto utili i siti specializzati presenti nel web, come Bikester.it. Qui sono presenti tutti i migliori marchi del mercato per le biciclette da trekking: risulta rapido ed economico acquistarla online, evitando ogni genere di stress e avendo la possibilità di riceverla direttamente a casa.


Con la Ciclovia sono 180 chilometri in sella, che attraversano luoghi unici e paesaggi meravigliosi dalle Alpi Carniche e Giulie attraverso le Colline moreniche fino a raggiungere il mare. Alcuni borghi e cittadine sono da non perdere:
1) Malborghetto: ai piedi del Monte Tarvisio, è un luogo con un’atmosfera fiabesca grazie anche alla presenza del museo del giocattolo denominato Casa Oberrichter, in cui è possibile conoscere l’artigianato locale e poi fermarsi per mangiare qualche piatto della tradizione.
2) Resiutta: è un piccolo paese montano del Canal del Ferro abitato fin da epoca romana e importante per i traffici commerciali. Era presente una fabbrica di birra e un’antica filanda: oggi ha una vocazione turistica grazie ai numerosi sentieri, in cui praticare trekking nelle Prealpi Giulie.
3) Venzone: è sicuramente un altro borgo da non perdere. La sua storia è stata anche dolorosa, in quanto fu completamente distrutto durante il terremoto del 1976 e fu poi ricostruito interamente. La lavanda è la pianta simbolo di questo luogo, che viene utilizzata per realizzare diversi prodotti cosmetici.
4) Gemona e San Daniele: il primo è noto per il suo Ecomuseo delle Acque del Gemonese, mentre il secondo per un’eccellenza gastronomica come il prosciutto crudo DOP, che vale la pena assaggiare nel suo luogo d’origine.
5) Udine: il paesaggio è ora quello urbano, ma questa città merita una sosta per visitare il Castello e vedere la città dall’alto, poi perdersi tra le vie del centro storico caratterizzate da diverse architetture e tipologie di case. Qui si può conoscere e sperimentare la cucina tipica e concedersi una vera pausa dalla pedalata!

Questa Ciclovia è stata premiata con l’Italian Green Road Award, ovvero l’Oscar del cicloturismo.

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.