Turismo termale, in Italia servono maggiori incentivi - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Turismo termale, in Italia servono maggiori incentivi

Share This
In Europa decolla il turismo termale, mentre in Italia i dati relativi a questa tipologia di ricettività rimangono inferiori agli altri Paesi del Vecchio continente. 
Le potenzialità del turismo sanitario italiano sono note e sono state al centro di un dibattito alla Farnesina: la qualità delle strutture alberghiere e dei servizi offerti, le proprietà curative delle acque e le località dalle caratteristiche paesaggistiche uniche sono un valore aggiunto che dovrebbe attirare turisti. Uno studio di Federalberghi Terme dimostra invece che nel Belpaese gli arrivi generati da viaggi per scopi salutistici sono 5mila l'anno: per contro in altri Paesi dell'Europa si assiste a un incremento dei flussi turistici collegati a spa e centri benessere. 


In tutto il mondo milioni di persone si spostano per curarsi, creando un indotto pari a 100 miliardi di dollari che, secondo le stime, sono destinati a raggiungere i 150 miliardi l'anno prossimo. Solamente nel Vecchio continente 5 milioni di persone viaggiano per termalismo terapeutico. 


Per implementare questo tipo di turismo in Italia sono necessari interventi anche da parte delle Istituzioni che possono con incentivi e aiuti economici agevolare le attività delle strutture ricettive che intendono investire in questo settore turistico. 


Post Bottom Ad

Pagine