Ultime Notizie

Intolleranza al lievito? Niente paura, ecco la ricetta che fa per voi

Uno dei più diffusi problemi di salute legati al cibo sono le intolleranze e tra queste, la più citata, è sicuramente l'intolleranza al lievito. Le intolleranze alimentari sono le reazioni che l'organismo ha al consumo di alimenti non adeguatamente digeriti o metabolizzati, e, al contrario delle allergie, per le intolleranze non c'è risposta immunitaria contro il cibo ingerito, bensì problematiche a livello di enzimi digestivi, come ad esempio nell'intolleranza al lattosio in cui è presente una carenza della lattasi, l'enzima necessario alla digestione, che crea un accumulo di zucchero nell'intestino che fermenta e porta gonfiore e flatulenza. In altri casi, l'intolleranza è causata da sostanze come l'istamina, presente in ricca quantità in tonno e fragole. Nell'intolleranza al lievito invece, non si tratta di una reazione avversa ma di una lievitazione inadeguata, una lievitazione troppo rapida ottenuta con l'aggiunta di altre sostanze oltre al lievito, può scatenare processi fermentativi in grado di rallentare la digestione e portare all'accumulo di gas a livello intestinale. 


Sintomi come: pancia gonfia, dolori addominali, stitichezza o al contrario dissenteria, bruciori di stomaco, indigestione, mal di testa ed anche stanchezza, sono quelli che generalmente vengono ricondotti ad un problema di intolleranza alimentare. Una volta appurato con appositi esami che i problemi gastrointestinali derivano dal consumo di cibi lievitati, possono essere evitati consumando cibi con maggiore digeribilità e privi o con lievitazione naturale. Sconsigliato del tutto eliminare drasticamente i lievitati, per non condurre un'alimentazione scorretta.
Una maggiore risoluzione al problema la si ottiene riducendo il consumo di cibo; preferendo metodi di cottura semplici come al vapore o in padella a quelli più elaborati come fritture e grigliate, ed anche adottando le regole della dieta dissociata.
Lunga la lista dei cibi che presentano lievito al loro interno, pane, biscotti, torte lievitate, crackers, aceto e salse (soprattutto senape e maionese) ma anche formaggi ed in particolar modo la margarina, funghi, tartufi, pomodori in scatola e conserve, carni affumicate, verdure in salamoia, frutta secca e acidula (quindi da limitare anche il consumo degli agrumi) ed infine, è fortemente sconsigliato il consumo di alcolici, vino, superalcolici, birra e bibite gassate.


Se soffrite di intolleranza al lievito e non volete rinunciare allo sfizio della pizza o ai panzerotti del sabato sera, ecco la ricetta adatta a voi.

Ingredienti per una pizza di 24 cm di diametro:
300 gr di farina 00
180 ml di acqua naturale a temperatura ambiente
1 cucchiaio pieno di olio extravergine d'oliva
1 cucchiaino di bicarbonato
1 cucchiaino di sale 

Versate tutti gli ingredienti in una coppa capiente ed impastate fino ad ottenere un composto sodo, liscio e morbido. Stendete il panetto su un piano da lavoro infarinato ad un'altezza di almeno 0,5 cm. Condite a piacere ed infornate a 200° per 15-20 minuti.
Potete cuocere la pizza ed i panzerotti anche in una padella antiaderente per un 4-5 minuti per lato. 

Deborah Miali

Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.