Ultime Notizie

Lewis Hamilton: nato per essere un numero uno

Lewis Hamilton, il 32enne britannico di casa Mercedes, ha appena ottenuto il suo quarto titolo mondiale di Formula 1. Dopo aver duellato nelle stagioni precedenti con il suo compagno di scuderia, Nico Rosberg, e dopo il ritiro dalle scene del circus di quest'ultimo, Lewis è riuscito a padroneggiare anche sulla Ferrari di Sebastian Vettel, che ha pagato a caro prezzo una seconda parte di stagione non all’altezza della prima. 


Si è da poco conclusa, in modo piuttosto rocambolesca, la sfida mondiale tra i due grandi contendenti Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. La gara di domenica scorsa in Messico ha visto i due leader di questa stagione scivolare sul fondo pochi attimi dopo la partenza, ma nonostante tutto Lewis, con il suo nono posto, è riuscito ugualmente ad aggiudicarsi il titolo di campione del mondo.

Ma conosciamo meglio Lewis.
Lewis è stato un bambino prodigio, passato da kart, Formula Renault, F3 e GP2, il tutto sempre in maniera eccellente. Ma il grande salto arriva nel 2007 con la McLaren, il team che lo ha forgiato. Impressionanti le statistiche di Lewis Hamilton, che ha esordito in Formula 1 nel 2007:


- In carriera vanta 62 vittorie e 72 pole (record) in 205 GP. In questa stagione ha vinto 9 GP;
- L’anno scorso è diventato il primo pilota nella storia della F1 a conquistare almeno 10 vittorie in una singola stagione per tre volte diverse, peraltro arrivate tutte in anni consecutivi;
- Nel 2015 e nel 2016 ha conquistato 17 podi stagionali, eguagliando il record già stabilito da M.Schumacher (2002) e Vettel (2011);
- Con la pole position conquistata in Australia è arrivato a 11 anni consecutivi con almeno una pole, la seconda striscia più lunga di sempre (primo M. Schumacher con 13 dal 1994 al 2006);
- Con la vittoria conquistata in Cina, Hamilton è salito a 11 stagioni consecutive con almeno una vittoria: è la seconda striscia più lunga di tutti i tempi, dietro solo alle 15 di M. Schumacher;
- È il pilota che ha conquistato la pole position in più GP differenti (23) e più circuiti differenti (25);
- Ha vinto su 24 circuiti differenti, un nuovo record all-time superando Michael Schumacher fermo a 23;
- È il secondo pilota ad aver conquistato il podio su più circuiti diversi: è arrivato tra i primi tre in 27 autodromi differenti, come M.Schumacher e meno solo dei 29 di Prost;
- Detiene il record all-time di 18 GP consecutivi con almeno un giro in testa, stabilito nel 2015 superando una striscia di 17 gare di Jackie Stewart che resisteva dal 1970;
- Ha concluso l’87,3% dei GP a cui ha preso parte. Detiene la percentuale più alta tra i 68 piloti che nella storia hanno corso almeno 100 GP in carriera;
- È andato a podio nel 56,6% delle gare in cui ha partecipato, addirittura il 70,5% da quando è in Mercedes;
- È il pilota con più punti in carriera (2580) nella storia della F1;
- In Australia è diventato il secondo pilota di sempre ad arrivare a 100 GP al comando in carriera. Ora è a 112 e insegue M. Schumacher lontanissimo a 142;
- Sempre in Australia è diventato il secondo nella storia a valicare quota 3000 giri in testa (anche qui dietro Schumacher);
- In Bahrain ha trovato il suo 107esimo podio in carriera, superando Alain Prost al secondo posto all-time dietro i 155 di M. Schumacher. Ora è a 116;
- Hamilton raggiunge a quota quattro titoli iridati Prost e Vettel. Davanti a lui restano solo Fangio (5) e M. Schumacher (7). 


Che dire? I numeri parlano da soli! Che questo sia solo l'inizio di una lunga e brillante carriera?


Prima Pagina on line (www.primapaginaonline.org) - Testata registrata al Tribunale di Bologna, pr. n. 8292 del 06/03/2013. Sito progettato da Templateism.com Copyright © 2011

Powered by Blogger.