Anticss: il progetto europeo contro la circonvenzione degli elettrodomestici - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

Anticss: il progetto europeo contro la circonvenzione degli elettrodomestici

Share This
Più controlli sul funzionamento e i consumi degli elettrodomestici col progetto Anticss, Anti-circumvention of standards for better market surveillance. Può capitare che vengano commercializzati degli apparecchi domestici con etichette che non riportano fedelmente i dati relativi all'efficienza energetica e ai metodi di utilizzo: Anticss nasce per tutelare i consumatori da eventuali truffe e garantire gli standard previsti dalle leggi dell'Unione europea. 


Il progetto Anti-circumvention of standards for better market surveillance prevede maggiori controlli sui test effettuati sugli elettrodomestici, verifiche che influiscono sul prezzo finale del prodotto. Un'azione mirata a ridurre i consumi nell'ottica di una maggiore sostenibilità ambientale e della valorizzazione delle aziende che operano in modo trasparente. 
Anticss permette di prevenire la circonvenzione, cioè la falsificazione dei risultati ottenuti dai test sugli apparecchi, considerando gli effetti dei comportamenti ingannevoli sull'immagine dei prodotti e sulle regole della libera concorrenza. Le valutazioni si effettuano considerando i criteri dell' eco-design, dell'etichettatura energetica e dei metodi di misura utilizzati nei test. 
L'iniziativa è attiva in otto paesi dell'UE e coinvolge una ventina di realtà diverse, dalle autorità di vigilanza del mercato ai laboratori di test. Tra i soggetti che promuovono il progetto Anticss in Italia ci sono: l'agenzia Enea, la Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi e l'Istituto italiano del marchio di qualità. La collaborazione di IMQ garantisce valutazioni quantitative standardizzate, modificabili comunque con procedure di prova alternative o sistemi di controllo moderni già attivi in alcune aziende innovative.


Post Bottom Ad

Pagine