“ProtectWater”, la campagna per proteggere le risorse idriche - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

“ProtectWater”, la campagna per proteggere le risorse idriche

Share This
Adozione della normativa europea sull'acqua in tutti i paesi Ue entro il 2027. Per tutelare fiumi e laghi dall'inquinamento e dall'eccessivo sfruttamento e impedire le modifiche della Direttiva acque da parte degli stati membri, cento organizzazioni non governative europee hanno lanciato la campagna “ProtectWater”. 
In Italia l'iniziativa ha trovato il sostegno tra gli altri, di Legambiente, Slow Food e della coalizione “Living Rivers”. L'acqua è una risorsa importante per tutte le comunità e la Direttiva dell'Unione europea chiede agli stati membri un impegno maggiore nel mantenimento delle riserve idriche. Una disposizione che però è stata accettata solamente dai Governi di alcuni paesi, fatto che ne ha impedito l'attuazione nel 2015. Il protrarsi delle tempistiche fino al 2027 per l'adozione della normativa potrebbe deteriorare ulteriormente la situazione delle falde acquifere europee, per il 60% inquinate. I promotori della campagna “ProtectWater” hanno deciso di aderire alla consultazione pubblica della Commissione europea che dovrebbe velocizzare le azioni per difendere i bacini idrici dell'Ue. Legambiente vuole coinvolgere anche gli utenti di Internet nella campagna, permettendo a tutti di esprimere la propria opinione e sostenere l'azione comunitaria con la compilazione di un modulo on line (https://www.legambiente.it/contenuti/campagne/protectwater).
Legambiente ha anche pubblicato l'agenda 2019 dedicata al mare in cui sono raccolte immagini e curiosità sull'ambiente marino. Con l'acquisto del prodotto si sostiene l'attività del Centro di recupero delle tartarughe marine a Manfredonia.

Odette Tapella

Post Bottom Ad

Pagine