I titoli italiani scivolano sui piani di spesa del governo - Prima Pagina on line

Prima Pagina on line

L'informazione come unico grande bisogno

Post Top Ad

I titoli italiani scivolano sui piani di spesa del governo

Share This
Il mercato azionario italiano è calato bruscamente dopo che il governo ha annunciato un forte aumento della spesa pubblica che spingerà il deficit di bilancio al 2,4% del PIL per l'anno prossimo, rischiando uno scontro con l'Unione europea.


L'indice FTSE MIB è calato del 2,2% all'inizio di venerdì, poche ore dopo che il governo ha annunciato i suoi obiettivi finanziari. I vertici del governo, Movimento 5 Stelle e Lega, hanno insistito per trovare denaro in modo da realizzare gli impegni della campagna elettorale: il reddito di cittadinanza e la flat tax. 
Il ministro dell'Economia Giovanni Tria, non schierato politicamente, avrebbe voluto mantenere il deficit di bilancio al 2%.
Il leader 5 Stelle, Luigi Di Maio, ha definito il documento approvato "una manovra del popolo". "Le misure storiche sono una vittoria", ha detto Di Maio. "Non è il governo che vince, ma i cittadini: è una manovra che ci consente di rilanciare investimenti e crescita".
L'obiettivo del deficit 2019 è un salto significativo rispetto all'obiettivo del 2018 dell'1,6 percento, fissato dall'ex governo di centrosinistra, ma rimane comunque entro il tetto del 3% fissato dall'UE. L'Unione Europea ha fatto pressione sull'Italia per affrontare il suo deficit nel tentativo di ridurre il debito del Paese, il secondo più grande nell'UE dopo la Grecia.
Gli obiettivi di spesa contenuti nel documento richiedono una spesa di 27 miliardi di euro, tra cui il blocco di un aumento dell'IVA, l'avvio del reddito di cittadinanza, l'annullamento delle riforme sulla pensione e l'introduzione della flat tax.
Per affrontare le nuove spese, inoltre, il governo ha promesso un'amnistia fiscale, una revisione della spesa pubblica e possibili modifiche alle agevolazioni fiscali. Il governo deve presentare un progetto di bilancio all'UE entro il 15 ottobre.

Post Bottom Ad

Pagine